Babbo Natale a Monza per i bimbi malati arriva con l’elicottero dei carabinieri

babbo natale a monza carabinieri

Babbo Natale a Monza, ma non è un film. È una favola. Ce lo vedrei volentieri Vito Potenza, presidente dell’Associazione carabinieri di Monza e Brianza, vestito come Santa Claus. Qualcuno pagherebbe pure. Ma Vito è un signore che rifugge le luci della ribalta. Silente come le biciclette dei bersaglieri anche se “ha servito la Patria in armi” nei carabinieri come si leggeva sui fogli matricolari di una volta. Quello che da anni, lui e i suoi uomini fanno alla vigilia del Santo Natale per i bambini malati del reparto di oncologia del San Gerardo, meriterebbe di più. Molto di più che una misera citazione come può essere la mia. Il regalo di Natale dei carabinieri di Monza, anche quest’anno, è arrivato dall’alto. E sin qui niente di strano visto che le renne volano. Per chiudere l’articolo sarebbe bastato descrivere lo sguardo vaporoso dei piccoli pazienti davanti alla montagna di pacchi confezionati uno ad uno dai volontari dell’Arma. Sarebbe stato sufficiente guardare i volti schiacciati alle finestre delle loro camerette dove sono rinchiusi dalla malattia. Quando è arrivato l’elicottero dell’Arma nel piazzale del San Gerardo per qualche istante sono riusciti a dimenticare la malattia, le medicine, i capelli rasati a zero. Il dolore insomma. Ma l’altra mattina, i più emozionati erano proprio i carabinieri. A cominciare dal colonnello Gianfilippo Simoniello, comandante Provinciale dei Carabinieri di Monza Brianza.

babbo natale a monza comitato maria letizia verga

Babbo Natale a Monza e il cuore grande dei carabinieri

Avrei voluto tanto continuare l’articolo con una citazione di Fabrizio De Andrè e il suo “cuore tenero non è una dote di cui sian colmi i carabinieri”, ma l’ho già usata e poi Vito e l’altra “canaglia” suo sodale che risponde al nome di Mario Bonacina mi dicono che sono ripetitivo. E poi non volevo fare una cosa uguale agli scorsi anni. Le notti passate ad impacchettare i regali uno per uno differenziati tra bimbi e bimbe ospiti del Comitato Maria Letizia Verga. La cameratesca spaghettata tra volontari. L’attesa impaziente dell’elicottero pilotato dal Comandante Tenente Colonnello Claudio Proietti. Piccole pennellate di vita vissuta che non renderanno il quadro completo, ma è quello che sento. Ci tenevano i volontari dell’Associazione. Soprattutto quest’anno che ha messo a dura prova medici ed infermieri del San Gerardo. Ecco ora ho finito. Quasi. Questo minuscolo scritto che se siete arrivati sino a questo punto avete per forza letto, vale per i mille grazie che non vi ho mai detto

Marco Pirola

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here