Visitare Monza può essere anche una passeggiata insolita

visitare monza greta nuovabrianza

Quattro passi alla scoperta degli impianti monzesi del teleriscaldamento di Acsm-Agam

Visitare Monza può anche essere una passeggiata insolita alla scoperta di una realtà che esiste da 20 anni. Spesso il termine “teleriscaldamento rimane confinato tra le domande inevase   dei monzesi, ma non solo loro. Domenica 9 giugno può essere l’occasione per colmare una lacuna. Almeno un’occasione insolita. In questi tempi da lupi ecologici e con tali chiari di luna, sapere che si risparmiano 3mila tonnellate di gas serra l’anno fa piacere a tanti. Tutti. Immagino pure la felicità di Greta, la bambina svedese simbolo della battaglia ecologica social e non solo. Se solo lo sapesse. Ma come diceva Mao, una lunga marcia è fatta di tanti piccoli passi. Mica si può sempre avere il Papa a disposizione come Greta.

Visitare Monza tra energia ed ecologia

Il teleriscaldamento a Monza compie 20 anni. Dieci candeline ne spegne una delle tre centrali che alimentano la rete in città. E sin qui potrebbe bastare un semplice comunicato stampa. Ma quel “diavolo” di Paolo Busnelli ha voluto dare gas alla ricorrenza tenendo a battesimo una passeggiata insolita. In occasione della ricorrenza infatti, il gruppo Acsm Agam promuove una visita guidata all’impianto di via Cadore, dietro all’ospedale San Gerardo. L’appuntamento per i curiosi e non solo per domenica 9 giugno.

Visitare Monza, il teleriscaldamento “ecologico”

La rete del teleriscaldamento a Monza è di circa 30 chilometri. Sono 350 gli edifici serviti solo in Monza Nord. Recentemente la rete è stata ampliata in zona Triante per prevedere nuove utenze ed è stata resa più efficiente grazie all’interconnessione, attivata nelle scorse settimane, fra i tre impianti (Monza Nord, Monza Centro in via Canova, Monza Sud in via Pasubio). Recentemente sono state anche messe a punto sinergie importanti con il gruppo alimentare Rovagnati e con BrianzAcque per fare in modo di ricavare energia mediante processi di cogenerazione che producono energia elettrica e termica. Il tutto con evidenti benefici per l’ambiente dal momento che si risparmiano circa 3.000 tonnellate di gas serra l’anno.

Marco Pirola

P.S.

Anche senza andare in giro vestiti da “birilli stradali gialli” come Greta si può fare qualcosa per l’ecologia. E come tutte le battaglie si inizia da un punto comune: la conoscenza di quello che si sta facendo.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here