Vittime di reati violenti a Vedano arriva un fondo

vittime di reati violenti nuovabrianza

Emendamento al bilancio del consigliere comunale di Noi per Vedano Patrizia Lissoni

Vittime di reati violenti a Vedano si discute l’istituzione di un fondo. Potrebbe sembrare la solita notizia che scivola via nel mare magnum della politica, ma non lo è. Stasera ( 14 marzo 2019) in Consiglio comunale sarà battaglia. Un emendamento proposto da Patrizia Lissoni, avvocato, consigliere comunale di Noi per Vedano (area Forza Italia) verrà discusso e votato durante il voto sul bilancio. Non è cosa da poco. Al di là della cifra di 5mila euro la proposta è di vitale importanza. Vedano avrà l’occasione di essere il primo comune della Brianza a dotarsi di tale strumento che va incontro alle esigenze delle vittime. Milano lo ha già fatto da tempo. Con tali chiari di luna e in questi tempi da lupi, una maggiore attenzione per chi rimane colpito suo malgrado di episodi di violenza è quanto mai doverosa. “Costituire un fondo per le vittime di aggressioni violente presso i propri domicili o attività produttive con il quale rifondere le spese legali, mediche e di assistenza psicologica alle suddette vittime”. Poche parole per un concetto chiarissimo.

vittime di reati violenti lissoniVittime di reati violenti, a chi è rivolto

Le vittime di questo tipo di reati sono spesso considerate numeri. E lo sono ancor di più, quelli legati ai reati violenti e alla criminalità diffusa, in una escalation che aumenta giorno per giorno. Ci sono le donne vittime di compagni, anziani rapinati e uccisi, cittadini aggrediti e scippati. Da un anno a questa parte in tutte le parti d’Italia i familiari o le stesse vittime, hanno deciso di unirsi per chiedere giustizia e certezza della pena. Sono nate associazioni diffuse su tutto il territorio nazionale come Unavi, l’Unione Nazionale Vittime. Associazione e la sua presidente Paola Radaelli si sono contraddistinti in questa battaglia con “sbarchi” a Camera e Senato. Una lotta tasversale che attraversa tutti i partiti. Ma soprattutto con iniziative sul territorio nazionale. Non ultima la stretta collaborazione con il Comune di Milano (a guida rossa direbbero i malpensanti…) per aprire uno sportello dedicato alle vittime.

Vittime di reati violenti, la proposta

Non solo numeri per una triste statistica, ma qualcosa di molto di più. Un principio caro a destra e sinistra. Almeno sulla carta. Per una volta tanto la politica ha l’occasione per far vedere che non si tratta solamente di parole. Stasera il verdetto. Vincerà l’interesse di partito della maggioranza a trazione Pd refrattaria a qualunque proposta arrivi dall’opposizione. Oppure prevarrà il buon senso.

Marco Pirola

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here