Usura Monza, arrestato un cravattaro

usura monza nuovabrianza

A fronte di un prestito di 1.500 euro ne pretendeva 6mila

Usura Monza, un serpente che strisci tra artigiani e commercianti. ma non solo. Questa volta la vittima del “cravattaio” come sono chiamati gli strozzini a Roma, è un disoccupato. Un 50enne brianzolo che ad inizio anno aveva perso il lavoro e a giugno si era visto rifiutare un piccolo prestito dalle banche. L’offerta di un altro suo conterraneo brianzolo, amico da sempre, lo aveva tranquillizzato. “Tieni, mi restituirai i soldi con calma”. L’inizio di un incubo terminato grazie all’intervento dei carabinieri di Monza.

Usura Monza: il fatto

Mercoledì sera. Una notte piovosa di fine ottobre. Monza.  I carabinieri della stazione del capoluogo brianzolo sono appostati da un paio d’ore. Aspettano l’arrivo dell’usuraio. La vittima deve consegnargli un’ennesima rata di un prestito arrivato al triplo di quanto avuto. L’uomo arriva tranquillo come aveva fatto altre volte. Solo che al posto dei soldi trova le manette.

Usura Monza: l’arresto

I carabinieri di Monza hanno tratto in arresto un 53enne. Reisdente a Monza, pregiudicato, originario della Provincia di Monza Brianza. E’ ritenuto responsabile del reato di estorsione, ai danni di un disoccupato, un 50enne italiano. Le manette sono scattate in flagranza di reato. L’aguzzino, perché di tanto si tratta, è stato bloccato mentre la vittima gli consegnava l’ultima trance di complessivi 6 mila 600 euro. Soldi pretesi per un prestito del giugno di quest’anno, contratto in un momento di difficoltà economica. La vicenda, iniziata con la profferta apparentemente amichevole di mille 500 euro, è arrivata a conclusione quando la vittima, più volte minacciata e percossa dall’arrestato, ha chiesto aiuto ai militari dell’Arma.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here