Sochi 2014 / Per la Brianza emozioni a Cinque Cerchi

nuovabrianza.it-sochi 2014
fisioterapisti-brianza-sochi
Da sinistra Giuseppe Ferrari, di Nova Milanese (artistico), Massimiliano Didoni, di Biassono (Osteopata team Russia), Luca Arosio, di Lissone (Short Track) e Giulio Rabosio (Italia – Pattinaggio di velocità pista lunga).

Sochi – È stato un atleta e dunque sa cosa significhi tenere duro e raggiungere il traguardo nonostante le avversità che la vita presenta. In sintesi è un esempio da seguire, per tutti. Più che comprensibile dunque l’emozione che sta provando in questi giorni Giulio Rabosio nel cuore delle Olimpiadi invernali di Sochi. Lui, in qualità di fisioterapista è sfilato con gli azzurri in occasione della cerimonia inaugurale. Il plus non ultra, l’evento che ti cambia inevitabilmente la vita. “L’esperienza olimpica che sto vivendo è un’emozione unica, un’intensità di sensazioni che porterò per sempre nel mio cuore – ci racconta Giulio Rabosio in collegamento direttamente da Sochi – La cerimonia d’apertura dei giochi è stata indimenticabile: l’ho sentita molte volte raccontare, ma viverla in prima persona è qualcosa che difficilmente posso spiegare a parole. Ricorderò sempre l’attesa nel tunnel, nei sotterranei dello stadio. Io e tutta la nazionale italiana in attesa di sfilare avanziamo pian piano, un passo alla volta fino alla consegna del tricolore al portabandiera, il leggendario Armin Zoeggeler . Capiamo tutti che sta per arrivare il momento e iniziamo a urlare ITALIA, ITALIA, ITALIA. Sale la tensione e l’adrenalina raggiunge livelli estremi. Si esce, ecco lo stadio. Un tripudio: la gente, tantissima, i colori, gli applausi e una luce fortissima che illumina il nostro ingresso allo stadio. Armin sventola la bandiera e lo speaker annuncia l’ingresso: è il nostro turno. «ITALIA!» viene esclamato. Un boato e la sensazione sempre più forte di essere parte di una pagina della storia”. Emozioni indelebili che Giulio Rabosio ha il piacere di vivere con altri tecnici made in Brianza: Giuseppe Ferrari, di Nova Milanese (artistico), Massimiliano Didoni, di Biassono (Osteopata team Russia) , Luca Arosio, di Lissone (Short Track).

squadra italiana pattinaggio di velocità a sochi
La nazionale italiana di pattinaggio velocità a Sochi

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here