Sinistra e statue. Di bronzo come la faccia?

Lissone, anche Concettina avrà il suo totem. O la sua piramide o Sfinge che si voglia. Con questi tempi da lupi e tali chiari di luna, di cinghia di pantaloni sempre più stretta, di soldi zero insomma, la giunta di sinistra si butta sulle statue. Forse per esorcizzare la crisi. Sarà. Fatto sta che sul sito del Comune appare un annuncio quantomeno “singolare”.

La zona in via Carducci dove la giunta vuole installare un'opera d'arte
La zona in via Carducci dove la giunta vuole installare un’opera d’arte

L’Amministrazione comunale di Lissone attraverso il Duc- Distretto urbano del Commercio  intende conferire un incarico di collaborazione artistica ad un soggetto di comprovata competenza per la progettazione e realizzazione di una installazione / opera d’arte che qualifichi e renda “narrativa” una porzione urbana di ingresso alla città, in corrispondenza di via Carducci. L’incarico prevederà la progettazione e la realizzazione di tale scultura/installazione totemica, di seguito definita “Museo Verticale”, in coerenza con l’obiettivo di valorizzare l’identità e la memoria collettiva di Lissone, storica “capitale del mobile e del design”. Chiunque fosse interessato a ricevere l’incarico deve presentare entro e non oltre le ore 12.30 del giorno  31 gennaio di quest’anno una proposta di candidatura indirizzata al Comune di Lissone.

Il "cadregone" voluto dall'ex sindaco Michele Faglia nel parco di Monza
Il “cadregone” voluto dall’ex sindaco Michele Faglia nel parco di Monza

 

Un “vizio” antico quella della sinistra con i simboli. Nel 2002 a Monza l’allora sindaco Michele Faglia, di professione architetto, aveva collocato nel parco cintato più grande d’Europa il “cadregone” e la “voliera per umani”. Opere ridotte attualmente ad un cumulo di rottami. Ma non fa nulla, l’importante è avere i totem,  le statue. Magari di bronzo, come la faccia…

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here