Serie D playoff – Il Seregno si ferma ad Olginate

Sassarini
David Sassarini, mister del Seregno

OLGINATESE-SEREGNO 1-0

OLGINATESE: Ripamonti; Cattaneo, Mastrototaro, Viganò; Fidanza, Lombardi (46’ Calandra), Bono, Di Fiore, Menegazzo, Cristofoli (92’ Cvetkovic), Barzotti (46′ Corti). All. Delpiano

SEREGNO: Dosoli, Lucente, Cortinovis, Di Maio, Mureno, Giambrone (66’ Cavalcante), Magrin, Lacchini (85’ Chiappano); Battaglino; Comi (71’ Vitali), Marzeglia. All. Sassarini

ARBITRO: Minotti di Roma 2 (Li Volsi di Firenze –Selicato di Siena)

MARCATORE: 77’ Cristofoli

Olginate – Il Seregno si ferma alla stazione di Olginate. Sono i bianconeri di Alessio Delpiano ad aggiudicarsi la finale playoff del girone B e accedere alla terza fase. Olginatese-Seregno si decide nella ripresa quando al 77’ il solito Cristofoli segna il gol che regala la qualificazione ai bianconeri che bissano così il successo dell’anno scorso. La cronaca della partita, equilibrata e tatticamente perfetta, fa subito registrare in apertura una conclusione di Cristofoli che impegna Dosoli. Il Seregno risponde con Battaglino, ma Cattaneo salva. Poi Marzeglia, ben servito da Mureno, spara sopra la traversa. Nella ripresa sono gli azzurri di Sassarini che, obbligati a vincere per passare il turno, cercano di fare la partita. La prima occasione è di Comi che sfiora il gol con una bella azione personale. Successivamente l’estremo difensore lecchese devia in angolo un tiro cross di Mureno. Il Seregno non demorde e mister Sassarini rischia il tutto per tutto inserendo tutte le punte a disposizione ed inerisce Cavalcante e Vitali. Alla prima ripartenza dei bianconeri, però, gli azzurri vengono puniti da Cristofoli che partito sul filo del fuorigioco, servito da Calandra, entra in area di rigore e con un perfetto sinistro batte Dosoli in uscita archiviando così la qualificazione al turno successivo.  Negli ultimi 10 minuti di gara il Seregno va in pressing, ma la difesa dell’Olginatese non corre seri pericoli. L’unico episodio da segnalare è un sospetto fallo da rigore su Lucente (93’) non ravvisato dal direttore di gara.

POST PARTITA – In casa Seregno ovviamente rimane l’amaro in bocca, ma anche la consapevolezza di aver dato tutto fino alla fine e di aver giocato ad armi pari contro una squadra che “in casa non ha praticamente mai subìto gol in campionato e che ha una grossa qualità difensiva – sottolinea mister David Sarrini nel post partita – Ai ragazzi negli spogliatoi ho detto che sono stati bravi in tutto, e che devono essere orgogliosi del capolavoro che hanno fatto. Eravamo penultimi, ed oggi ci siamo giocati una finale di playoff, credo che la rincorsa sia stata ricca di gratificazioni per me, i ragazzi e tutta la società”. La delusione traspare anche dalle parole di Adriano Marzeglia. “Uscire così brucia, l’obiettivo del gruppo era quallo di arrivare il più lontano possibile – afferma l’attaccante – L’analisi però deve essere più estesa. Io sono arrivato a stagione in corso, quando la parola playoff era tabù per tutti. Non dobbiamo dimenticare gli sforzi fatti e le soddisfazioni che ci siamo tolti partendo dal basso. Dobbiamo essere tutti orgogliosi di quello che abbiamo costruito”.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here