Seregno: Urbanistica, chiusa l’inchiesta sul Pgt

attilio-gavazzi-seregno

Dieci persone indagate, ipotesi di reato corruzione. Si è chiusa la fase di indagini sul caso dell’urbanistica seregnese. Le pm Donata Costa e Manuela Massenz, che si occupano del caso, hanno completato l’iter delle indagini. Al centro dell’inchiesta il mattone e in particolare delle presunte tangenti che sarebbero state pagate per favorire l’inserimento di alcuni interventi edilizi nel Pgt. In particolare si tratterebbe di cambi di destinazione d’uso delle aree, trasformate in residenziali. Due i Piani integrati finiti nel mirino degli investigatori, uno in via Stefano da Seregno (ex Cotonificio Camisasca) e uno in via delle Grigne. Nell’elenco figurerebbe anche un immobile in via Umberto I. L’ipotesi accusatoria è che l’ex vicesindaco Attilio Gavazzi avrebbe ricevuto nel primo caso 330mila euro attraverso l’assegnazione al genero dell’incarico professionale per redigere il progetto e nel secondo 34mila euro per favorire l’approvazione della variante all’ex Prg e quindi la possibilità di edificare. In quest’ultimo caso sarebbe coinvolto anche il consigliere ed ex capogruppo Pdl di Seregno, Ugo Calò. Nell’elenco degli indagati figura anche il genero di Gavazzi, Andrea Attolini. Dal canto suo, Gavazzi già ai tempi dell’avvio dell’inchiesta aveva sempre negato ogni addebito.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here