Selfie su Instagram e il padre la riempie di botte

selfie su instagram nuovabrianza

Prima strappa il piercing all’ombelico della figlia di 13 anni poi la bastona

Selfie su Instagram e la “luminosa” Brianza si scopre non solo “velenosa”, ma anche non molto distante dal buio dei paesi islamici. I protagonisti sono tutti italianissimi di Vimercate e dintorni. Il padre padrone, 38 anni, impiegato, incensurato, è stato arrestato dai carabinieri. Maltrattamenti in famiglia l’accusa. La ragazzina, di anni 13, è stata selvaggiamente aggredita dal genitore una volta tornata a casa da una passeggiata. E poi il giorno dopo rientrata da scuola. Non contento se l’è presa pure con la miglia rea di avere difeso la figlia.

Selfie su Instagram: domenica

A fare infuriare (un eufemismo…) il padre è stato un selfie postato dall’ adolescente domenica scorsa e bollato “fuori luogo”. Un parente ha inviato su Whatsapp la foto all’uomo. la ragazza indossava “pure” una gonna, durante una serata trascorsa con le sue amichette e i genitori di queste ultime. La ragazzina non ha avuto nemmeno il tempo di entrare in casa che il padre le ha sferrato un pugno al volto facendola cadere a terra. La tredicenne è finita al pronto soccorso con un trauma cranico e varie ecchimosi. Il padre l’ha picchiata due volte. Una prima volta domenica sera. Una seconda lunedì mattina. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Vimercate la domenica il padre attendeva la figlia sulla porta ed ha aggredito a calci e pugni anche la moglie, intervenuta in difesa della ragazzina.

Selfie su Instagram: lunedì

Lunedì mattina, trucco pesante sul volto per coprire l’occhio nero, la 13enne è andata a scuola. Il padre però ha ordinato alla moglie di andarla a prendere e riportarla immediatamente a casa. Quando le due sono rientrate, il 40enne le attendeva con un bastone in mano. Per le percosse ricevute la ragazzina ha perso i sensi. La madre, terrorizzata, è uscita di casa correndo e ha chiamato i carabinieri. Quando i militari dell’Arma al comando del capitano Antonio Stanizzi sono arrivati, hanno trovato la ragazzina a terra. Aveva il corpo coperto di segni di percosse. Il genitore si è giustificato dicendo di averle solamente dato una sberla.

Selfie su Instagram: martedì

L’uomo è stato arrestato e portato nel carcere di via Sanqurico a Monza. Madre e figlia sono state medicate e dimesse con 15 giorni di prognosi. Stando a quanto emerso, i maltrattamenti andavano avanti da anni. Nel 2015 la madre aveva denunciato il marito per maltrattamenti, ma il procedimento era stato archiviato dal giudice.

Marco Pirola

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here