Rummo: i brianzoli si mobilitano per salvare il pastificio campano

    pastificio-rummo-alluvione

    La Brianza in prima fila nella gara di solidarietà per salvare l’azienda di Benevento colpita dall’alluvione

    Rummo, un pastificio da salvare. Un pacchetto di pasta sulla scrivania, il mouse nella mano destra per rispondere alle migliaia di persone che riempivano la pagina Facebook con scritti e incitamento a comperare la pasta, sorpresa per il successo inaspettato dell’appello. Grazie. Nella gara di solidarietà la Brianza (ma non solo) che ha voluto testimoniare la vicinanza ad una ditta di Benevento colpita dall’alluvione che ha distrutto macchinari, scorte e in qualche caso anche speranza. Infatti anche da Monza e Brianza è scattata la solidarietà verso il pastificio di Benevento colpito dall’alluvione.

    [fb_embed_post href=”https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10153630378978864&set=a.10151526097998864.1073741825.787798863&type=3&theater/” width=”550″/]

    Il post pubblicato sul mio profilo che ha scatenato la solidarietà dei brianzoli (e non solo)

    Devo sinceramente confessare che mi sarei aspettato di tutto tranne quello che è successo. Uno scritto della figlia di un operaio della ditta con sede a Benevento. Uno dei tanti che sono in circolazione nel girone infernale che chiamano web. Un accorato appello per salvare il posto di lavoro del padre scritto dalla figlia di uno dei dipendenti del pastificio Rummo. Appello sentito, raccolto dal sottoscritto, rilanciato sulla pagina Facebook. Ed è stato subito un crescendo rossiniano di adesioni da ogni parte del mondo. Un semplice post scritto ieri pomeriggio e lanciato dalla pagina Facebook e nel giro di poche ore oltre 12mila persone da tutta Italia e anche dall’estero, hanno raccolto il nostro appello a comperare la pasta Rummo. Una gara di solidarietà che ha portato migliaia di persone anche in Brianza ad uscire di casa per comperare la pasta Rummo. Alle volte basta un nulla… come l’incipit del post.

    Marco Pirola

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here