Rissa in stazione a Monza. Ci risiamo

rissa in stazione a monza esercito

Nonostante la presenza di vigili urbani ed esercito ad intervenire sono i “soliti” carabinieri

Rissa in stazione a Monza sotto il naso di vigili urbani ed esercito. Ad intervenire una gazzella dei carabinieri. Un uomo di 34 anni è rimasto ferito durante una rissa scoppiata ieri sera (martedì 19 febbraio ndr) a Monza, nella zona della stazione. L’episodio è accaduto attorno alle 23.30. Secondo quanto risulta all’Azienda regionale emergenza urgenza. L’Areu ha inviato sul posto, in via Arosio, un’ambulanza in codice giallo.

Rissa in stazione a Monza, l’ambulanza

Il personale paramedico del mezzo di soccorso ha prestato le prime cure al 34enne. L’uomo aveva diverse contusioni ed escoriazioni sul corpo. I sanitari lo hanno trasportato, in codice giallo, al pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo di Monza. Le sue condizioni sono state giudicate serie. Non è in pericolo di vita. Gli inquirenti stanno ora cercando di capire cosa sia realmente accaduto.

Rissa in stazione a Monza, il fatto

Stando a una prima ricostruzione il 34enne, un cittadino di nazionalità marocchina, sarebbe stato aggredito da un connazionale. Il violento pestaggio sarebbe avvenuto al culmine di una lite nata probabilmente per futili motivi.

Rissa in stazione a Monza, problema sicurezza

Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Monza che stanno cercando di rintracciare l’aggressore. L’uomo è infatti scappato dopo il pestaggio e finora è riuscito a far perdere le proprie tracce. L’aggressione è però destinata a riaccendere le polemiche su una zona, quella della stazione di Monza, da sempre al centro delle proteste dei residenti per via dei problemi legati alla sicurezza e allo spaccio.Lo scorso sabato un ragazzino, uscito da scuola, era stato picchiato da quattro persone. La situazione di degrado è nota da tempo a ha portato lo scorso novembre a un presidio dell’area da parte della polizia locale, a cui si è aggiunto anche quello dei militari dell’Esercito.

Marco Pirola

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here