Muggiò, un politico «normale»

    s200_massimo.fraschini

    Muggiò, il candidato al consiglio comunale Massimo Fraschini non si può dire sia proprio di primo pelo, ma sicuramente un “usato” garantito. Il 25 maggio si rimette in gioco nonostante i capelli bianchi e qualche acciacco dovuto all’età. Affidabile. Pacato nei toni in un periodo in cui la politica urlata e “postribolizzata” va per la maggiore. Mai una parola fuori posto. Non sbaglia un congiuntivo neanche a pagarlo. Parla con la stessa arguzia discutendo di Aristotele come di Servizi Sociali senza inciampare su metodo e parole. La Lista Civica Brianza 2009 (per il bene di Muggiò) che ha come alfiere e candidato sindaco Pietro Zanantoni (sindaco di Muggiò uscente), lo ha ospitato in lizza. Certo, qualche capello bianco l’ha e l’ho già sottolineato. Ma lui assicura che non sfrutterà a suo vantaggio nei confronti dei rivali l’esperienza dovuta alla carta di identità. Simpatico lo è pure. Ci mancherebbe. Quale politico non lo è in queste occasioni. Le battute al vetriolo mai offensive sono il suo forte. Ma a differenza di politicanti improvvisati, lui è capitano di lungo corso. Lo slogan scelto per scendere nell’agone elettorale ha qualcosa di “amaro e triste” che ha sperimentato più volte: cercare lavoro è già (quasi) un lavoro. Esperto in Formazione, attento al sociale e alle classi più deboli è proprio sul tema del lavoro che si gioca la partita più importante. Auguri Massimo e anche se so per certo che lui cattolicissimo non è superstizioso, lo invitiamo a toccare ferro. Di questi tempi e con tali chiari di luna non si sa mai..

    Marco Pirola

    pietro zanantoni
    Pietro Zanantoni, candidato sindaco a Muggiò

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here