Monza stazione la telenovela delle rapine

Nigeriano a dicembre denuncia una rapina, sabato sera arrestato come rapinatore

Monza stazione come una telenovela brasiliana. Senza mai fine. Gli ingredienti ci sono tutti quanti. Poliziotti compresi che cercano di tamponare una situazione diventata insostenibile. Un po’ come svuotare il mare con secchiello di un bimbo riempito con la “schiumarola” di Cracco. E non poteva mancare pure il video. Da rapinato a rapinatore in quattro mesi. A dicembre aveva denunciato con enfasi di particolari una rapina di un cellulare. Poca roba se non fosse stato per i pugni e schiaffi ricevuti. Ieri un’altra puntata. Il rapinato diventa rapinatore e viene arrestato.

Monza stazione l’antefatto

A dicembre, avevano aggredito, picchiato selvaggiamente e rapinato del telefonino un nigeriano di 27 anni alla Stazione ferroviaria di Monza. A distanza di quattto mesi gli agenti del Commissariato di Polizia di viale Romagna a Monza hanno individuato e arrestato due componenti (su quattro) della banda. Tutti e due marocchini, 27 e 31anni. Il primo clandestino residente a Lentate sul Seveso il secondo ad Olgiate Molgora.

Monza stazione l’ultima puntata (per ora)

Ironia della sorte, la vittima della brutale rapina, il nigeriano, richiedente asilo, è stato arrestato a sua volta sabato sera: fermato per un controllo dopo un’altra rapina fra extracomunitari alla stazione, ha reagito con violenza spedendo due poliziotti in ospedale. Dissolvenza. Titoli di coda. Fine.

Marco Pirola

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here