Monza: Sicurezza tra luci e ombre, il volante maglia nera

Vigili Monza

Un bilancio tra luci (poche) e ombre (in aumento). I dati della Prefettura e quelli della Polizia locale raccolti nel 2013 sono stati presentati lunedì sera in Consiglio comunale. E parlano di una città caratterizzata come sempre dalla presenza massiccia della microcriminalità, ma anche di monzesi sempre più “nervosi”, soprattutto quando si parla di guida. Ma andiamo con ordine.

I DATI DELLA PREFETTURA – Il bilancio 2013 stilato dall’ufficio di Governo racconta soprattutto di reati legati alla presenza di microcriminalità di origine italiana e straniera. Nel complesso il bilancio rispetto agli anni precedenti è in moderato aumento. In alcuni ambiti significativo come quello dei furti sulle auto in sosta, che registra un + 29 %. Sono calati i furti negli esercizi commerciali (-1%) e quelli di veicoli (-3%), ma il resto delle voci resta purtroppo in attivo. Un 7% per i furti con strappo (gli scippi) e un 4% in più di furti con destrezza. Il totale per questo tipo di reati è di 3.141 episodi, ossia + 12% rispetto agli anni precedenti quando si erano fermati a 2.752 nel 2012 e 2.567 nel 2011. Andando sui reati a maggiore pericolosità ecco che si scopre che le rapine in abitazione sono state in tutto 8, ma la percentuale di aumento è del 63% perché nel 2012 gli episodi erano stati soltanto 3. Aumentate anche le rapine in strada, che sono passate da 56 episodi a ben 98 (+ 38%). In calo truffe e frodi informatiche,indenni e anche le rapine in banca.

Vigili Monza

I DATI DELLA POLIZIA LOCALE – Nell’occasione è stato presentato anche il bilancio dell’attività svolta dai vigili urbani. Un’attenzione particolare è stata riservata al servizio degli agenti di quartiere, la cui attività è incrementata del 17% con 1.705 interventi di cui la maggior parte nella ex circoscrizione 4. I numeri dei controlli e delle attività parlano di 3.327 controlli nelle aree verdi, 1.413 nei presidi “security point” e 1.165 interventi su segnalazione dei cittadini, il ché se non altro è un dato rincuorante. Un migliaio sono stati anche i controlli nelle zone cosiddette sensibili: 1.115 in tutto di cui 72 nelle aree della stazione ferroviaria e di piazza Cambiaghi. Interventi a tre cifre anche per schiamazzi (419), aree a rischio abusivismo (554), aree dismesse (96) e aree occupate da insediamenti rom (151).

AUTOMOBILISTI, MAGLIA NERA – È qui che arrivano le note dolenti. A partire dal numero di violazioni riscontrate dagli agenti nel corso dell’anno. Numero importante considerato che si parla di ben 83.645 violazioni con un aumento dell11%. Tra i dati spiccano le violazioni per norme di comportamento (+ 105%) e i punti patente ritirati, ben 10.219 episodi con un + 57% di patenti ritirate. Anche i sequestri di veicoli hanno segnato un clamoroso aumento con il 151% e ben 304 auto sequestrate, mentre aumentano del 44% i veicoli sottoposti a fermo con ben 123 episodi. Gli episodi di guida senza patente non dicono molto meglio, infatti sono aumentati del 28%, così come le revisioni non fatte (544 episodi e un aumento del 24%). Segno più anche per la guida in stato di ebbrezza: + 16%. Dato choc quello sulle omissioni di soccorso. Gli episodi accaduti nel 2013 sono stati infatti ben 43 nei quali nessuno si è fermato a soccorrere i feriti. Un aumento percentuale dell’87% che lascia quantomeno perplessi e sbigottiti.

VELOCITA’, CELLULARI & CO. –  Se non fosse scritto sarebbe quasi da non crederci, ma le violazioni per eccesso di velocità hanno registrato nel 2013 un + 2000%. Non è un errore, è proprio così. Con 189 episodi, i monzesi schiacciano sempre di più sull’acceleratore. Così come del resto parlano sempre più di frequente – facendosi scoprire – al cellulare. In totale 298 gli episodi sanzionati per un + 15%. Male anche sul fronte di manovre spericolate (+ 18%), violazioni della segnaletica (+28%) e mancata precedenza (+ 17%). Segno inesorabilmente più anche per soste sul marciapiede – ben 4.225 episodi e + 29% – sosta sulle strisce pedonali (+ 40%), occupazione degli spazi alle intersezioni e sui passi carrai (+ 87%) e negli spazi riservati ai bus (+ 29%). Fortunatamente segnano meno le soste negli spazi riservati ai disabili – che comunque sono state ben 308 – e quelle sulle piste ciclabili e nelle ztl.

INCIDENTI – Gli scontri nel 2013 a Monza sono stati 1.244. Di questi la più parte ha registrato dei feriti, ben 638, ma il dato di coloro che si fanno male è in lieve calo. Anche gli incidenti mortali sono calati, passando da 7 a 3. Resta una mole altrettanto grande di incidenti solo con danni a cose, che sono arrivati a 593. Secondo i dati della Polizia locale, la maggior parte degli scontri avviene negli orari di rientro dal lavoro, dalle 17 alle 19 e solo il 3% di notte.

REATI AMBIENTALI – I numeri su questo fronte restano contenuti, senza registrare aumenti allarmanti. Sono state infatti 12 – contro le 11 dell’anno prima – le violazioni penali per la gestione illecita e l’abbandono di rifiuti da parte di imprese  in particolare di autofficine e autotrasporti. Idem i casi di abbandono abusivo di rifiuti (18), 82 quelli di veicoli abbandonati e 3 di trasporto illecito di rifiuti.

LOCALI PUBBLICI – Hanno toccato quota 101 le ispezioni nei locali pubblici. Di queste circa metà si sono concluse con l’accertamento di violazioni (54).

 

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here