Monza: nuova emergenza carcere per la legionella

detenuto muore carcere monza

nuovabrinza.it.carcere.monza

Monza, nuova emergenza carcere per la legionella. Proibito l’uso delle docce nell’ infermeria del penitenziario di via Sanquirico. L’emergenza sanitaria è scoppiata da più di un mese e ed ha coinvolto un solo detenuto della casa circondariale. Da allora, però, «nulla è stato fatto», commenta Domenico Benemia, segretario regionale della Uil penitenziari.

IL CASO – L’infezione ha colpito una persona che era ricoverata nel reparto infermeria dell’istituto monzese. «Appena si è scoperta la patologia, il primo provvedimento è stato proibire l’utilizzo delle docce da parte dei reclusi che dovessero transitare da quel reparto – aggiunge Benemia -. Tuttavia ci saremmo aspettati, nei giorni immediatamente seguenti, un intervento di bonifica che, invece, a oggi ancora non sembra essere stato fatto». Il risultato è che le docce restano chiuse come da un mese e mezzo a questa parte e il problema non è stato risolto». E restano inagibili per le pesanti infiltrazioni d’acqua dal tetto, il teatro, la cappella, la palestra e alcune salette riservate ai colloqui fra gli avvocati e i detenuti. Alcuni interventi di impermeabilizzazione, nei mesi scorsi, sono stati realizzati ma «il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria dovrebbe prevedere lavori definitivi».

CARCERE COLABRODO – I problemi ci sono all’interno delle celle, nei corridoi, nelle aule didattiche e nei laboratori ma anche nelle camere riservate agli agenti, nel bar e nella mensa. E restano inagibili per le pesanti infiltrazioni d’acqua dal tetto, il teatro, la cappella, la palestra e alcune salette riservate ai colloqui fra gli avvocati e i detenuti.

Monza.carcere.nuovabrianza.it

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here