Monza: furto alla Cappella espiatoria, i ladri rubano le corone dei re

Violato il mausoleo di Umberto I ucciso da Gaetano Bresci

monza-cappella-espiatoria

La storia si ripete. Non c’è pace per Umberto I di cui proprio in questi giorni (29 luglio) cade l’anniversario della morte per opera di un anarchico. Un furto di tre corone di bronzo, con tutta probabilità sottratte per rivendere la lega sul mercato clandestino dopo la fusione.

IL FURTO – Lo hanno scoperto nella mattinata di lunedì i giardinieri adibiti alla manutenzione del monumento storico da mesi abbandonato a se stesso. I soliti ignoti hanno sottratto tre pesanti corone in bronzo delle decorazioni. Dalla scalinata d’ingresso alla Cappella Espiatoria di via Matteo da Campione a Monza, sono state letteralmente “strappate” tre corone di bronzo. I ladri nel compiere il furto hanno trascinato le pesanti corone d’alloro e danneggiato i gradini in pietra, lasciando lungo la scalinata alcune pezzetti di foglie di bronzo. I carabinieri di Monza hanno fatto un sopralluogo anche all’interno del monumento, ma non risultai asportati altri cimeli.

LA CAPPELLA ESPIATORIA DI MONZA –  Una lastra in pietra ricorda il punto esatto in cui Umberto I cadde sotto i colpi dell’anarchico Gaetano Bresci mentre assisteva, senza giubbotto antiproiettile, ad una manifestazione degli atleti della Forti e Liberi di Monza sul campo di gara. La Cappella espiatoria fu fatta costruire da Vittorio Emanuele III per ricordare l’assassinio del padre, Umberto I, il 29 luglio del 1900. Per anni meta di pellegrinaggio dei monarchici italiani il monumento versa in grave stato di degrado. Sino allo scorso anno era presente sul posto un guardiano poi per questioni di bilancio e tagli alla Soprintendenza è stato tolto. La cappella è chiusa e per prenotare una visita bisogna affrontare una trafila “scoraggiante”. Un cartello all’ingresso indica un numero telefonico da chiamare (02/86313211) o una mail a cui scrivere (sbap.mi@beniculturali.it). Le visite sono gratuite e si organizzano per gruppi, come ci era stato spiegato tempo fa dalla Soprintendenza milanese. Ma la solita Italia ci mette lo zampino: dal 6 luglio fino al 20 nessuno potrà rispondere alla richiesta. Questione di ferie…

cappella-espiatoria-monza

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here