Monza, Forza Italia a congresso

forza italia monza brianza

 

allevi monza forza italia
Dario Allevi, ex presidente della Provincia di Monza e Brianza

Monza, Forza Italia a congresso: tessere e correnti. Parte la stagione dei congressi dei veleni e della resa dei conti dentro Forza Italia a Monza. Entro il 30 novembre va chiuso il tesseramento 2014 anche in Brianza. Le casse del partito sono vuote a Roma come a Monza e in Brianza e il partito di Silvio Berlusconi lancia la sfida delle tessere. L’ennesimo braccio di ferro interno. Si parte dai congressi cittadini e quello di Monza è in prima fila perchè i colonnelli di Forza Italia si stanno organizzando nella “capitale” della Brianza. I primi a dare inizio alla corsa per il controllo di quello che resta del centrodestra a Monza sono Dario Allevi (ex presidente della Provincia di Monza e Brianza, lo stesso che spinge per essere inserito ai vertici dell’autodromo come contropartita alla perdita della poltrona), Martina Sassoli (ex assessore provinciale e sconfitta nel gioco interno alle ultime elezioni per la provincia di Monza e Pietro Zanantoni (ex sindaco di Muggiò e consigliere comunale). Martedì (28 ottobre ndr) sera riunione in pizzeria (la solita…) con i fedelissimi per decidere le strategie, ma soprattutto cosa e come fare nel raccogliere adesioni che tradotto in linguaggio volgare vuol dire tessere per battere l’avversario interno.

I COSTI DELLE TESSERE – i giovani dai 16 ai 28 anni per aderire a Forza Italia dovranno sborsare 15 euro (il voto ai congressi però è riservato solo ai maggiorenni). Sopra i 28 anni la tessera costa 30 euro, per gli over 65 25 euro.

I CONGRESSI – Entro dicembre devono essere convocati i congressi cittadini anche se già si parla di uno slittamento a gennaio o febbraio. Per quello provinciale invece c’è tempo. Si deciderà in primavera. Attualmente il commissario provinciale è Fabrizio Sala, sottosegretario in Regione lombardia in “odore” di nomina ad assessore alle Infrastrutture nel rimpasto al Pirellone. rimpasto che è slittato più volte e che probabilmente sarà fatto poco prima di Natale. Sala sa che la posizione di leader nella segreteria provinciale è una di quelle strategiche e la sua carica amministrativa, presente e futura in Regione, non è incompatibile con il ruolo politico e vuole tenere “botta” all’assalto della corrente a lui ostile.

forza italia urban center

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here