Mercato clandestino di cani: consigli per gli acquisti

mercato clandestino nuovabrianza

Una vergogna da eliminare

Mercato clandestino, anche da Monza si può fare qualcosa per eliminare la vergogna. Visti gli ultimi fatti di cronaca, questa settimana vi vogliamo parlare di un argomento. Importante e che possa essere da guida all’acquisto di un animale da compagnia.

Mercato clandestino: la legge

E’ bene sapere che dal 2004 vige una norma europea per i limiti sull’importazione per cuccioli provenienti dall’Est.  Ricordiamo che qualunque animale non può essere importato prima di aver compiuto i 3 mesi di vita. Non solo, ma deve necessariamente avere fatto vaccinazione antirabbica e essere microchippato. Con relativo passaporto che può essere rilasciato dalle autorità sanitarie nei 21 giorni dalla vaccinazione stessa che servono per varcare il confine . Ricordiamo che è vietata la vendita di cuccioli senza microchip. In Regione Lombardia esiste da pochissimo, una legge che prevede il divieto di cessione dell’animale non prima dei 90 giorni di vita. Per tutelare il benessere dell’animale stesso per un corretto sviluppo sia fisico che mentale.

Mercato clandestino: linee guida all’acquisto 

Quello che ci sentiamo di consigliare è di rivolgersi sempre ad un allevamento registrato ENCI. Chiedendo di vedere possibilmente l’ambiente dove il cucciolo sta crescendo ed i genitori. Sottolineando che il lavoro dell’allevatore è molto impegnativo, richiede tempo, soldi e passione è bene rivolgersi a persone serie e professionali. Non considerando quindi, gli animali come un bene da avere in saldo. Se decidete invece di utilizzare altri canali come negozio, fiere o internet, cercate di ottenere sempre e comunque il maggior numero di informazioni possibili come ad esempio provenienza del cucciolo. Come ben sapete si potrebbe celare  dietro queste vendite un traffico clandestino di cuccioli o nel caso di Internet delle truffe . 

Mercato clandestino: cosa c’è dietro 

Le fattrici vengono tenute in condizioni igienico sanitarie non adeguate. Stipate in box angusti e stretti. Mentre i cuccioli, vengono strappati troppo presto alle madri, anche prima dei 40 giorni. Rinchiusi per essere trasportati in condizioni precarie, non sempre chippati. Con vaccini non in regola  e con documenti che potrebbero essere falsificati. Quasi sempre vanno incontro a morte durante il trasporto. Trasporto che può durare anche decine di ore. I pochi che arrivano a destinazionenella maggior parte dei casi presentano patologie debilitanti che poi portano a morte l’animale entro pochi giorni o settimane dall’acquisto. Partendo dal presupposto che devono essere i nostri migliori compagni di vita, fin dall’inizio siamo noi che dobbiamo scegliere consapevolmente di non incrementare il traffico illecito di queste povere bestiole. Scegliendo piuttosto una bellissima adozione nei vari rifugi o canili, salvando così una vita.

Barba Zizza, Monza a 4 zampe

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here