Lissone Viscardi: Edoardo, una vita a 180 all’ora

lissone viscardi nuovabrianza 1

Dalla bottega di falegname alla Ferrari, la storia di una dinastia in un libro per gli 80 anni del patriarca

Lissone Viscardi, L’Edo compie 80 anni. E i ricordi di una vita si mischiano e finiscono in un libro fotografico fortemente voluto da Lorena ed Elena, le due amatissime figlie. Non l’ho fatto io anche se avrei tanto voluto. Per un semplice motivo. Perché io, come l’Edo, Lorena, Elena che vogliate o no, siamo figli di Lissone. Se volete un “paesotto” (in senso affettivo) cresciuto disordinatamente come lo può essere la mia città. Mia nel senso che ci sono nato. Ci vivo. E spero di morirci. Il più tardi possibile visto che non ho fretta. Ed allora prendi uno dei simboli della “Lissonum” laboriosa. Uno di quelli, come mio padre, che hanno sempre avuto una concezione luterana del lavoro. Un uomo che ha incarnato riuscendo a trasmettere agli eredi, questa concezione tipica brianzola. Lui insomma. Edoardo Viscardi. Quale miglior tributo se non un libro ad imperitura memoria stampato da quel “diavolo” di Giovanni Mantegazza (mio coscritto) e la sua Legmagrafiche e con Francesca locatelli che ha impaginato il tutto?

lissone viscardi

Lissone Viscardi, gli inizi

Ora più ora meno di quando 80 anni fa, Edoardo nasce in una famiglia numerosa come scrivono quelli bravi (e non è il mio caso) che si affaccia sulla soglia della guerra incipiente. Tempi duri per tutti. Le foto della scuola elementare dicono che abbia carattere. Vero. Qualità che si porterà dietro tutta la vita. Mamma Giuseppina fatica a stargli dietro. Papà falegname (chi non lo era a quell’epoca da queste parti) gli fa respirare subito l’aria della bottega. Colla a lingotti sciolta nel pentolone sulla stufa, polvere e trucioli. Edo impara subito da Cesare un mestiere e diventa artista del legno. La bottega di via XX settembre assomiglia alle tante sparse per Lissone, ma una marcia in più. E si vede.

lissone viscardi 2Lissone Viscardi l’hobby della musica

Come tanti ragazzi della sua età coltiva hobby e passioni. La musica. Fonda due complessini con il fratello Andrea, Cesare Longoni, Tonino Pozzoli, Pasquale Palaia, Gianni Arosio detto Gian American, Enrico Meani. Ringo Star era ancora un bambino e di là da venire. Si divertono, suonano, diventano inseparabili. Vanno in montagna. Gli amici di una vita che ieri, con altri, hanno voluto rendere omaggio ai suoi 80 anni. Amicizia è la parola chiave che prende forma in quegli anni e si trascina per i decenni. Così come un’altra passione. Quella per Dolores, la figlia del sarto dei vip che conosce nel 1963 e sposa nel ’65.

lissone viscardiLissone Viscardi, i motori

Il servizio militare nel reparto Trasmissioni scivola via senza problemi con la guerra ormai alle spalle. Nel 1966 arriva la prima figlia. Elena. L’anno dopo Lorena. Viscardi arreda cresce e diventa un marchio. Di qualità, di impegno di successo. Ed ecco che Edo può soddisfare l’altra sua passione. La Ferrari. Nel 1978 arriva la prima figlia di Maranello a quattro posti. passione coronata da una dedica autografa di Enzo, il Drake delle rosse. “Se chiedi ad un bimbo di disegnare un’auto, la farà rossa” dice il mago delle Granturismo di sempre. L’Ambrogio d’oro massima onorificenza di Milano è solo una tappa del successo.

lissone viscardi ambrogino oroLissone Viscardi e il tennis

Il torneo di tennis sponsorizzata dall’Edoardo è stato per anni uno dei must della Brianza e non solo. Da Fred Bongusto che era di casa da quelle parti a Giacinto Facchetti, indimenticata capitano dell’Inter. Da una giovanissima ed irriconoscibile Cristina Parodi a Fabio Cudicini figlio del “ragno nero” milanista. Li potevi trovare tutti quanti sulla terra rossa a scambiarsi “cortesie” con la racchetta. Poi gli anni passano le foto si sbiadiscono pur essendo a colori, ma i ricordi restano. Le “adunate” fuori dalla Baracca la gelateria dove i ragazzi del ’39 si trovavano a discutere su tutto e tutti come se fosse il Parlamento. I nipoti e le nipoti che ne raccolgono lo scettro. Gli stessi che oggi nel giorno del suo compleanno hanno voluto fargli una sorpresa con un libro di classe e un catering allettando “da Vittorio”. Certo gli acciacchi si son fatti sentire anche oggi, qualche lacrimuccia trattenuta a stento davanti a tanti e tanti ricordi. Ma come cantava Ornella Vanoni: domani è un altro giorno si vedrà…

Marco Pirola

lissone viscardi tennis

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here