L’inverno caldo degli studenti brianzoli

    giovani brianza protesta

    giovani brianza protesta

    Era dai tempi di Maria Stella Gelmini che non si vedeva una mobilitazione di studenti di tale portata. Gli studenti brianzoli alzano la voce e aprono la guerra contro il governo e la politica scolastica di Gianni Letta. Una chiamata a raccolta che sa tanto di stagione calda alle porte.

    A seguire il comunicato diffuso a sostegno della lotta.

    Soggetti ad una politica di austerity, tagli all’istruzione ed utile solo agli interessi delle banche venerdì 11 ottobre scenderemo in piazza per urlare a gran voce BASTA!

    NON C’E’ PIU’ TEMPO! LE RISORSE CI SONO, MA NON PER NOI!

    Quest’anno il Governo ci sta ancora una volta prendendo in giro, illudendoci su nuovi investimenti per la scuola pubblica. Noi non ci caschiamo, NON C’E’ PIU’ TEMPO PER ASPETTARE!

    GLI STUDENTI IN STAGE SONO SFRUTTATI!

    Quanti di voi durante gli stage si sono mai sentiti sfruttati? Ogni anno le aziende traggono vantaggi da ore di lavoro gratis coperte da studenti delle superiori, privi di tutele o assicurazioni! Si tratta di un vero e proprio sfruttamento minorile! Esigiamo uno Statuto degli Studenti e delle Studentesse in stage e NON C’E’ PIU’ TEMPO PER ASPETTARE!

    NON C’E’ PIU’ TEMPO PER UNA DIDATTICA DI STAMPO FASCISTA!

    La chiamano palestra di vita, ma in verità il luogo che viviamo 6 giorni su 7 non è ancora stato in grado di dimostrarci che noi studenti abbiamo bisogno di momenti di interazione, collaborazione e creatività! Vogliamo che diminuiscano le lezioni frontali! Non vogliamo più essere valutati come se fossimo macchine di studio, e rifiutiamo il sistema di valutazione delle INVALSI, emblema di come una semplicistica valutazione matematica possa nuocere ai soggetti informazione!

     Qui trovate la Piattaforma Politica Regionale Integrale: https://docs.google.com/file/d/0B9nI7p9LAGzlSktDeVBZVVNGMFE/edit?usp=sharing

     NON C’E’ PIU’ TEMPO PER ASPETTARE!

     RACCOGLIMENTO ALLE H. 8.15 IN ARENGARIO PER RAGGIUNGERE IL CORTEO A MILANO!”

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here