La mia Italia-Inghilterra

FIFA World Cup 2014: England vs Italy

La mia “personale” Italia-Inghilterra si è giocata 12 ore dopo la partita ufficiale. Non è facile lavorare in Brianza ai confini dell’impero monzese. Trovare un caffè alle 15 del pomeriggio sotto la redazione può essere ancora di più complicato se si sta in periferia e la giornata è piovosa. Ne ho viste tante in 23 anni di mestiere e una decina di mondiali di calcio vissuti come tifoso. Ma trovare il pizzaiolo egiziano (copto) che ti ferma e ti offre il caffè perché l’Italia ha battuto l’Inghilterra ne supera tante. Può sembrare una barzelletta che sa tanto di pizza e mandolino, ma al momento di chiedere quanto dovevo, sentirsi rispondere: ringraziami Balotelli per il gol, ha un altro senso. Che cazzo c’entrasse un egiziano con Balotelli e la sconfitta degli inglesi mi ha incuriosito. Come doveroso tributo, ascolto la storia di quel caffè offerto. Di un suo parente che sta a Londra e si trova male (un eufemismo…) della spocchia britannica da padroni del mondo e quel gol che ha piegato la “perfida Albione” è stato un riscatto che andava onorato anche con un semplice caffè da pagare ad un italiano. Il mundial di calcio fa miracoli. Siccome Balotelli io non lo conosco e mi sta pure antipatico, cerco qualcuno che possa onorare il pegno da parte mia. E se mai (una toccatina ai gioielli di famiglia è d’obbligo) l’Italia dovesse vincere i mondiali, all’egiziano lo invito a pranzo. Anzi lo assumo come portafortuna e lo porto pure a san Siro alla prima partita dell’Inter…

Marco Pirola

Mario-Balotelli-calcio

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here