Incredibile Hulk a Monza per una pizza in centro

incredibile hulk monza

L’attore Lou Ferrigno alla pizzeria del Centro dopo la tappa monzese

Incredibile Hulk a Monza per una visita alla città. Quattro passi per Monza, Duomo, Arengario e poi spaghetti e pizza in un noto ristorante del centro storico. Lou Ferrigno non si è fatto mancare nulla. Culturista, 66 anni portati dall’alto di un fisico invidiabile (almeno del sottoscritto). A guardarlo da vicino è pure simpatico. Sabato sera se ne stava in un angolo del ristorante cercando di diventare piccolo, piccolo. Schivo, concentrato sulla pizza di “Angelino”. Quasi assente come se avesse davanti uno dei giganti da sconfiggere prima della trasformazione. Poi quando la gente dei tavoli attorno l’ha riconosciuto, da consumato uomo di spettacolo, non si sottratto.

incredibile hulk monza

Incredibile Hulk: il personaggio

Voleva diventare Ercole, divenne l’uomo verde. Di rabbia e di forza. Ecco lì sabato sera. Il gigante verde protagonista sul finire degli anni Settanta di una fortunata serie televisiva. Eccolo là l’eterno rivale di Arnold Schwarzenegger. Seduto davanti ad una pizza come se fosse un attore qualunque della Hollywood da bere. Ma Hulk, alias Lou Ferrigno, per la mia generazione non è un attore qualunque. Ci ha accompagnato per tante stagioni che sommate fanno la mia mia giovinezza. Un salto a casa. Pochi minuti per recuperare dal fondo dell’armadio la maglietta verde con sopra scolpiti i suoi muscoli. Un vezzo, un ricordo di gioventù che ho conservato sul fondo di un cassetto. Recuperato a tempo di record per l’occasione. Gli autografi si sprecavano già al tavolo trasformato in una depandance di un set cinematografico. Alla vista della maglietta mi aspettavo una sua trasformazione in “omaccione” verde. Come nella finzione cinematografica. Alla vista della maglietta “datata”, dalla montagna di muscoli esce un sorriso. Disarmante. Un sorriso che aspettavo da anni. Un pennarello che appare all’improvviso (non è vero…). Una firma con dedica. Sabato sera l’incredibile Hulk è riuscito a far contento un bambino. Io.

incredibile hulk monzaIncredibile Hulk: Lou Ferrigno la vita

Nato da un italoamericano di seconda generazione tenente di polizia di New York. La madre Victoria, era originaria di Conca dei Marini emigrata in giovane età. All’età di tre anni, Lou contrasse un’infezione all’orecchio e perse permanentemente l’80% dell’udito. Cominciò ad allenarsi coi pesi all’età di 13 anni, imitando il culturista e attore Steve Reeves. Un famoso Ercole del cinema. Dopo aver terminato gli studi nel 1969, Ferrigno vinse i suoi primi trofei. L’IFBB, Mr. America e Mr. Universo quattro anni dopo. Nel 1974, arrivò secondo al primo tentativo di conquistare il titolo di Mr. Olympia. Il massimo riconoscimento per i culturisti. Arrivò terzo l’anno successivo. Questo suo tentativo di battere Arnold Schwarzenegger fu la trama del film-documentario Uomo d’acciaio del 1977. Partecipò, sempre in quell’anno, a L’uomo più forte del mondo, giungendo quarto su otto partecipanti. Dopo di questo lasciò il mondo della competizione culturistica per molti anni.

Incredibile Hulk: la carriera

Benché non fosse mai riuscito a sconfiggere Schwarzenegger nel culturismo, si prese la rivincita. Ottenendo la parte di Hulk nella famosissima serie tv degli anni Settanta. Fu scelto dopo che per la parte vennero considerati Schwarzenegger e Richard Kiel. Nel 1989 partecipò al video del singolo Liberian Girl di Michael Jackson. Nei primi anni Novanta, Ferrigno tornò al culturismo. Gareggiando negli anni 1992 e 1993 per il titolo Mr. Olympia.

Incredibile Hulk: la serie televisiva

E’ una serie televisiva trasmessa negli Stati Uniti d’America dal 1977 al 1982. Per un totale di 81 episodi più due film pilota. Liberamente ispirata al personaggio dei fumetti Marvel Comics, Hulk, si discosta dalle atmosfere fantasiose del fumetto. Abbracciando per lo più tematiche sociali e il tema del fuggitivo per la persona di David Bruce Banner.

Marco Pirola

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here