Il VIDEO delle perquisizioni nella Eco House di Armstrong

Le immagini della polizia brasiliana durante la perquisizione negli uffici del presidente del Monza Anthony Armstrong. Sequestrati un computer, vari faldoni e una cassaforte.

LA TRADUZIONE dai Media Brasiliani

L’operazione è scattata giovedì dopo che le indagini erano partite ad agosto. La Policia federal indaga sui reati di riciclaggio, evasione fiscale, crimini tributari e associazione a delinquere che sarebbero stati compiuti dalla Eco House.

Secondo gli investigatori, la EcoHouse prometteva investimenti a privati cittadini con guadagni tra il 12 e il 20% all’anno, soldi che in realtà non venivano mai elargiti e rimaneva nella disponibilità di Armostrong e soci.

Solo a Singapore sarebbero almeno 2mila gli investitori rimasti fregati, ciascuno avrebbe consegnato ad Armstrong 46 mila dollari. In Brasile la Policia Federal ha emesso 9 mandati di perquisizione negli stati del Rio Grande do Norte e del Ceará.

Leggi l’articolo “Calcio Monza, quando la protesta è di… rigore”

Nell’operazione, sono stati impiegati 50 poliziotti. Godfather è come la stampa brasiliana chiama Armstrong. Quando era presidente dell’Alecrim (che significa rosmarino) usava il pugno di ferro con i giornalisti. In un episodio sbarrò l’entrata dello stadio ai giornalisti sostenendo che serviva per “renderli disciplinati”.

Come riferisce il O Jornal de Hoje, di Natal, secondo il capo della polizia Rubens França, anche se nessuno è stato ancora arrestato, la Policia Federal ha prove sufficienti per indagare sul gruppo. “Sono tre persone che comandano il gruppo nonostante si servissero di vari prestanome. Abbiamo chiesto l’arresto dei tre, ma non è stato emesso dal magistrato. Con i documenti sequestrati vogliamo ottenere ulteriori informazioni da allegare all’indagine”.

“Questo gruppo economico si è installato nel Rio Grande do Norte nel 2009. Da allora hanno effettuato operazioni per un totale di 150 milioni di reais (50 milioni di euro) in tutto il Brasile. Abbiamo anche informazioni che un gruppo sta facendo la stessa cosa in Italia, anche se ancora non abbiamo la certezza che sia lo stesso” ha detto il coordinatore delle indagini Rubens França.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here