Girone B/ Cuore Mariano: fermato il Sondrio

pallone-calcio

 

MARIANO-SONDRIO 2-2

MARIANO: Castoldi, Citron, Pecorini, Mara, Rosa, Rione (60′ Prato), Tripodi, Perissinotto, Piazza, Corno, Iaconis (72′ Santagada). All. Barbieri

SONDRIO: Bertani S., Secchi, Martinelli, Valsecchi, Bertani M., Bongio, Spaggiari (76′ Locatelli), Brandi (84′ Fontana M.), Della Cristina, Bertani J., Crea. All. Bertani

ARBITRO: Gatti di Gallarate

MARCATORI: 11′ e 74′ Della Cristina (S), 21′ e 80′ Piazza (M)

AMMONITI: Pecorini (M), Fontana M., Valsecchi e Bertani J. (S)

ESPULSI: Pecorini (M) per doppa ammonizione

Mariano – Ci si aspettava tanto spettacolo e spettacolo è stato tra Mariano e Sondrio che si affrontavano per la 41esima volta nella storia Il computo. Prima del match 15 vittorie per parte e 10 pareggi. E il verdetto sul campo ribadisce per l’ennesima volta lo storico equilibrio che regna tra i club. Storia, ma anche presente con i valtellinesi grandi protagonisti del girone e in grandi di passare in vantaggio già all’11’: Crea si accentra e lascia partire una botta da 25 metri che Castoldi respinge centralmente e sui piedi di Della Cristina il quale deposita in rete senza problemi.

Succede poco altro nella prima frazione con gli ospiti bravi nel mantenere le redini dell’incontro che tuttavia si accende nella ripresa. Pronti, via e il Mariano sfiora il pari al 48′ con Tripodi che incorna alto sopra la traversa, con Pecorini nelle vesti di suggeritore. L’appuntamento con il pareggio è solo rinviato: al 21′ bel lancio in profondità di tripodi per Piazza che di destra infila Bertani.

Non è finita qui perché Della Cristina sorprende tutti al 74′ con una conclusione dalla distanza che batte a terra prima di insaccarsi e mettere fuori area Castoldi. La squadra di Barbieri ha però un cuore grande e trova il 2-2 al 79′: punizione di Corno e precisa girata di Piazza che gonfia la rete. Buon pari per il Mariano, mentre il Sondrio si consola col il contemporaneo pari del Ciserano contro il Cavenago che mantiene i valtellinesi in vetta.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here