Droga e cocaina al ristorante di Monza: arrestato il proprietario

Droga tra i tavoli: un ristorante davvero stupefacente

cocaina.nuovabrianza.itjpg

Droga tra una portata e l’altra. Le sue specialità da qualche tempo non erano certo il risotto alla milanese o gli spaghetti alle vongole. C’era dell’altro ben più stupefacente di un semplice piatto uscito dall’arte culinaria. Di questo i carabinieri di Monza ne erano convinti da tempo. Ma la giustizia ha le sue regole e dimostrare che in quel ristorante, in zona stadio a Monza, era la base di spaccio di droga, non era cosa facile. Tra un piatto di spaghetti allo scoglio, una costata di manzo ben cotta con tanto di insalatina e pomodorini, sono spuntate le dosi di cocaina vendute ai clienti. Nei guai un 35enne di Solaro in provincia di Varese, incensurato. I carabinieri l’hanno colto proprio mentre forniva tre dosi di droga ad altrettanti clienti del ristorante.

L’ARRESTO – I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Monza l’hanno colto in flagranza di reato mentre passava tre dosi ad altrettanti clienti. I militari lo tenevano d’occhio da parecchio tempo sospettando che nel locale, nella zona del palazzetto dello sport e stadio, molti clienti non andassero solo per mangiare. L’intervento è scattato mercoledì sera attorno alle 22.30. Appena i carabinieri hanno visto F.P. passare qualcosa a tre clienti, sono immediatamente entrati in azione con le manette. I tre perquisiti, sono stati trovati in possesso di tre dosi di cocaina da mezzo grammo. I controlli a quel punto sono stati estesi a tutto il locale dove i militari hanno rinvenuto altri 779 grammi di cocaina e denaro contante per ben 8.350 euro. Il provento di una attività di spaccio avviata e assai fiorente. Nel retrobottega la sorpresa. I carabinieri hanno trovato materiale per confezionare la droga. Cellophane, carta stagnola e anche un bilancino di precisione. Materiale sequestrato e il pusher-ristoratore è stato tratto in arresto con l’accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. Attualmente è “ospite” nel carcere di via Sanquirico a Monza.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here