Divise storiche dei carabinieri che hanno fatto la storia d’Italia in mostra a Monza

Divise storiche dei carabinieri in mostra a Monza per le celebrazioni della festività del IV novembre 

monza-carabinieri-mostra-andros

Divise storiche dei carabinieri per sancire la vicina dell’Arma alla città e alla sua tradizione. La storia dei carabinieri non può prescindere dalle divise. Piaccia o no. E l’Arma è sempre stata vicina a Monza. Non solo per ragioni storiche, data la presenza della Villa dimora Reale, ma come vicinanza alla gente comune. Rodolfo Santovito, il nuovo comandante del Gruppo carabinieri, lo sa bene. Tra l’ufficialità delle iniziative di piazza che lo vogliono presente “comandato” per il IV novembre, ha trovato tempo ed entusiasmo per questa piccola, ma di grande significato mostra che nasce dal basso. Dalla gente che ha servito l’Arma e dai monzesi che guardano alla divisa non con sospetto, ma come punto di riferimento della vita di tutti i giorni. Nell’epoca imperante delle piazze virtuali come Facebook, degli uccelli canterini come Twitter, delle mele parlanti come gli Iphone, gli italiani di Monza vanno ancora alla ricerca di qualcosa di concreto. Di visivo, di tangibile che affondi le radici nella storia e superi di slancio i bit, i bite, i tweet. Ecco allora che una mostra di divise storiche affacciata in uno dei negozi del salotto di Monza, diventa metà più che di “pellegrinaggio” visivo (il termine può sembrare pretenzioso ed inadatto, ma avendo avuto il nonno carabiniere del regio esercito, un pizzico di retorica sta nel mio Dna…) di curiosità sentita e partecipata.


LA MOSTRA – Il Piave mormorò tanto tempo fa. Eppure c’è qualcosa che ogni IV novembre attraversa gli anni e ti lascia lì ad osservare a bocca aperta. Come le divise storiche dei carabinieri esposte nella vetrina di Andros. Si tratta di pezzi di storia dell’Arma dei carabinieri che hanno un grande valore storico-documentale. Per le celebrazioni del IV novembre, data scelta per Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, trovano domicilio in via Italia nel centro di Monza. La mostra comprende diverse divise storiche provenienti dalla collezione privata di Vincenzo Panza, membro ed ex presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo sezione di Brugherio è stata inaugurata domenica mattina nel negozio di abiti da cerimonia per uomo “Andros”. Le uniformi “vissute” dei carabinieri sono pezzi di grande valore  realmente indossate dai militari dell’Arma. Risalgono ai primi anni del ‘900 e al periodo del re Vittorio Emanuele III. C’è un’ uniforme da ufficiale dei carabinieri reali, una gualdrappa con coprisella e insegne e una divisa da comandante in alta uniforme con un pennacchio bianco sulla pelucca che indicava il grado di comandante così da renderlo sempre riconoscibile inquadrato nello squadrone schierato. Al centro del negozio campeggiano un’uniforme bianca estiva in lino da ufficiale, modello ’34 e un uniforme modello 1903 da capitano corazziere delle guardie del re.

LE CHICCHE DELLA MOSTRA – Oltre ai “pezzi storici” presenti in vetrina, la collezione trova spazio anche all’interno del negozio dove è ospitato un Bournus, una mantella utilizzata dalle truppe mehariste, i cosiddetti corpi militari impiegati su dromedari in Africa Orientale, così elegante da essere impiegata anche come veste di libera uscita. L’eleganza delle divise storiche è evidente anche nell’uniforme modello 34 da cerimonia indossata dai carabinieri Reali con una doppia fila di bottoni in argento che riportano le cifre del re e nell’abito del maresciallo d’alloggio che risale ai primi anni del ‘900. Nessuna nostalgia canaglia, solo rispetto per chi ha vestito con onore quelle divise e continua a farlo oggi.

Marco Pirola

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here