Triuggio: «Dietro il sipario del corpo…» con la Scuola Danza Jetè

danza jete

danza jete

Triuggio – “Dietro il sipario del corpo: la parte coreutica. Il movimento e terapia, l’ascolto come sviluppo del benessere” è il titolo del convegno organizzato dalla Scuola di Danza Jetè della Polisportiva Triuggese. L’iniziativa, unica nel suo genere, si svolgerà in tre giorni, 11-12 e 13 aprile, ed è aperta a tutti. Non è uno spettacolo o lezioni di danza. “L’obiettivo del convegno sarà quello di cercare di affrontare e sviluppare la conoscenza del corpo – ha spiegato la presidente della Polisportiva Triuggese, Marina Riva, durante la conferenza di stampa di presentazione dell’iniziativa – Per questo convegno, insieme alle insegnanti, stiamo lavorando da circa un anno e con questa iniziativa, che sarà la prima di una serie (quest’anno la Polisportiva compie 40 anni), intendiamo ampliare l’offerta sul territorio. Triuggio è un po’ chiusa e con Jetè stiamo cercando di dare degli impulsi. Sul territorio ci sono tante associazione e mi piacerebbe che tutte collaborassero”. Protagonisti del convegno saranno i partecipanti stessi che, suddivisi in gruppi di lavoro parallelo, a rotazione, seguiranno dei laboratori su tematiche specifiche. L’obiettivo è quello di portare la centralità sul corpo per arrivare alla possibilità di comunicazione. La danza, quindi, per conoscere meglio il proprio corpo.

Alla conferenza stampa, insieme a Marina Riva, sono intervenuti gli insegnati della Jetè, nonché docenti del convegno, Ambra Pirovano, Cristina Cerratelli, Daniele Perego e Riccardo Preda. In rappresentanza del Comune di Triuggio, l’assessore Vincenzo Verzeni. “Iniziativa che ha il completo appoggio dell’Amministrazione Comunale – ha puntualizzato VerzeniMarina è un’attenta manager nella Polisportiva e i bilanci in questi ultimi anni hanno fatto registrare dei progressi. Inoltre, ha una grande capacità di saper coinvolgere le altre associazioni del paese, oltre ad essere particolarmente attenta ai bisogni. Io, personalmente, esorto la presidente a continuare con il suo lavoro”.

IL PROGRAMMA – Il convegno si svolgerà alla scuola di danza Jetè, alla Cooperativa I Girasoli e alla palestra della scuola elementare di Triuggio. Ai partecipanti verrà consegnata una dispensa e un Cd musicale e al termine della “tre giorni” verrà rilasciato un attestato per i crediti formativi. Il convegno aprirà i battenti venerdì 11 aprile alle ore 18.30 con il saluto delle autorità e presentazione del percorso. Dopo la registrazione dei partecipanti presso la palestra delle Elementari, dalle 19.30 alle 21, seguirà la lezione magistrale “Il sipario del corpo”. Si proseguirà sabato 12 con la formazione di quattro gruppi di lavoro parallelo che, a rotazione, seguiranno i seguenti laboratori (“lezioni magistrali”) condotti dagli insegnati della Jetè: “La terapia del movimento corporeo: il processo creativo e la pratica collettiva” a cura della direttrice artistica della scuola di danza, Cristina Cerratelli; “L’arte di osservare il corpo: tra flussi della forma e i ritmi biologici” con Daniele Perego;  “La stanza della fantasia: l’aspetto educativo del gioco nel processo formativo della danza” a cura di Ambra Pirovano; “Ritmo come forza dinamica dell’esistenza: alla scoperta della pulsazione primordiale umana” con Riccardo Preda che si occupa della parte musicale. La giornata di sabato si concluderà con il buffet serale a Villa Biffi con installazioni performanti di musica e danza. E’ prevista anche la presentazione di un libro. Al momento titolo e autore sono top-secret, così come i nomi dei personaggi che interveranno alla “tre giorni”. I gruppi di lavoro sono previsti anche domenica 13, ultimo giorno del convegno.

ISCRIZIONI – Per ulteriori informazioni e iscrizione al convegno gli interessati possono contattare la segreteria della Scuola di danza Jete 331.8244896, 331-2101503, dalle 15 alle 20. Oppure inviare una mail a: info.sipariocorpo@gmail.com

.

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here