Culturista tenta di strangolare la moglie a Macherio

culturista arrestato carabinieri macherio

Il 43enne già noto ai carabinieri per spaccio di anabolizzanti

Culturista tenta di strangolare la moglie a Macherio. Intervengo i carabinieri che salvano la donna e portano in carcere l’uomo.

Culturista tenta di strangolare la moglie: il fatto

Un culturista brianzolo di 43 anni è stato arrestato dai carabinieri di Biassono per aver aggredito la ex moglie ed aver cercato di strangolarla con le mani. L’episodio è accaduto mercoledì sera a Macherio, in provincia di Monza. Secondo quanto ricostruito dagli uomini dell’Arma della stazione di Biassono, il 43enne palestrato, noto per precedenti di spaccio di anabolizzanti, si è presentato a casa della ex, una 49enne peruviana. Un incontro cercato dall’uomo per chiarimenti sulla fine della loro storia d’amore avvenuta qualche mese prima. la donna aveva accettato senza problemi perché Il 43enne culturista non aveva mai dato adito a manifestazioni violente.

Culturista: la lite

La discussione però si è ben presto incanalata su binari poco ortodossi e alquanto pericolosi. Le parole si sono tramutate in lite e in una vera e propria aggressione. L’uomo avrebbe colpito al volto la ex fidanzata diverse volte. I militari dell’Arma sono arrivati sul posto allertati da alcuni vicini che hanno sentito le grida della donna e il rumore dei mobili fracassati. Quando sono entrati nell’appartamento la scena che si parata davanti era inequivocabile. L’uomo teneva la 49enne a terra. Schiacciandola con il suo peso e le stringeva le mani al collo urlando.

Culturista tenta di strangolare la moglie: il finale

Il 43enne è stato arrestato. Maltrattamenti e resistenza a pubblico ufficiale le accuse mosse. E’ stato condotto nel carcere di via Sanquirico a Monza. Altra sorte per la donna che è stata medicata al pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo di Monza. Le sue condizioni non sono gravi. Ha riportato diversi traumi al collo un trauma cranico. Oltre ad escoriazioni ed ecchimosi su tutto il corpo.

Marco Pirola

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here