Coppa Bernocchi: trionfa Nizzolo ciclista di Muggiò

coppa bernocchi nizzolo nuovabrianza

Il trittico lombardo che decide la squadra azzurra per i mondiali aperto con la vittoria di Giacomo Nizzolo

Coppa Bernocchi, Giacomo Nizzolo da Muggiò vola. La prima vittoria da campione Italiano di ciclismo. Vittoria ottenuta a Legnano. A due passi da casa a Muggiò. Domani giovedì è il turno della Coppa Agostoni a Lissone.

Coppa Bernocchi: il trionfo di Nizzolo

Il brianzolo della Trek ha sbaragliato gli avversari con una volata limpida e netta. Una vittoria arrivata al termine di una gara avvincente. Che comprendeva le sette scalate al “Piccolo Stelvio“. Una delle difficoltà che caratterizzano la gara. Nizzolo è alla quinta vittoria stagionale. Dopo le due al “Tour of Croatia” e quella di Gippingen. Il campionato nazionale di Darfo Boario Terme che gli è valsa la maglia di campione d’Italia. la stessa che aveva indossato Vincenzino Nibali. Ma soprattutto la seconda maglia rossa consecutiva al Giro d’Italia.

Coppa Bernocchi: la gara

Ritmo di gara intenso alla Coppa Bernocchi 201 che si è giocata su una fuga a 8 partita intorno al km 25. Dion Beukeboom (Parkhotel), Vitaliy Buts (Kolss), Matthias Krizek (Roth), Óscar Pelegrí (Amore&Vita), Ricardo Vilela (Caja Rural), Alessandro Fedeli (Unieuro), Niccolò Salvietti (Norda) e Giacomo Berlato (Nippo) gli uomini avvantaggiatisi. Cinque minuti il vantaggio massimo toccato al km 50. Il gruppo è stato tirato in gran parte dalla nazionale italiana. Da un unico azzurro, Eugenio Alafaci, che da solo o quasi è stato in grado di tenere la fuga entro limiti urbani. Prima che la corsa entrasse realmente nel vivo nel sesto e penultimo giro del circuito della Valle Olona.

 

Coppa Bernocchi: il piccolo Stelvio

L’ultima scalata al Piccolo Stelvio, quando mancavano 35 chilometri al traguardo, ha visto un tentativo di contrattacco da parte di altri otto. Anche il quintetto al comando era nuovamente vicinissimo, sicché ai -30 Colbrelli ha giocato la carta dell’azzardo, ripartendo secco con l’inesauribile Vilela al mozzo. La nuova coppia ha preso margine, mentre su Gavazzi, Busato e Buts rientravano – in una fase di gara molto fluida Marco Zamparella (Amore&Vita) e Antonio Di Sante (GM Europa Ovini).

Coppa Bernocchi: il finale

Quindi dal gruppo sono usciti anche Mauro Finetto (Unieuro), Mirko Selvaggi (Androni), Maciej Paterski (CCC) e di nuovo Rota, andando a chiudere nuovamente sui battistrada. Ma in genere quando la corsa scappa via a rotta di collo da tutte le parti, è perché un volatone si intravede all’orizzonte: in tanti ci provano, nessuno è destinato a riuscirci, a parte il plotone pronto a ricucire ogni cosa.

 

Coppa Bernocchi: il trittico lombardo

Domani giovedì la seconda prova del Trittico Lombardo, la Coppa Agostoni a Lissone, presenterà un percorso più duro della Coppa Bernocchi. Percorso caratterizzato dalla salita del Lissolo che verrà affrontato quattro volte. In un circuito in cui si scaleranno anche le salite di Sirtori e di Colle Brianza.

Marco Pirola 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here