Caponago: L’azienda scappa, i lavoratori la presidiano

megadyne-caponago

megadyne-caponago
Lavoratori costretti a presidiare giorno e notte l’azienda per evitare che “scappi” dall’Italia. C’è anche questo nelle storie di una provincia che sta perdendo ogni giorno che passa dei pezzi di impresa e di lavoro. È accaduto alla Megadyne di Caponago, ditta che produce pulegge e che ora vuole andarle a produrre in Polonia. Questione di costi e pure di salari. Più bassi che in Italia. Il problema è che il trasferimento del materiale, a bordo di due grossi tir, è avvenuto praticamente di notte e i lavoratori si sono trovati davanti al fatto compiuto ieri. Una doccia scozzese che ha avuto come risultato che gli stessi dipendenti hanno letteralmente circondato l’azienda. Turni per tutti per presidiare la società. Una storia quella della Megadyne che va avanti da più di un anno così. La cassa integrazione era già partita e l’unica alternativa offerta ai lavoratori è stata il trasferimento a Torino. Insomma, un copione già visto e un elenco lunghissimo. Ora la Rsu aziendale attende soltanto l’incontro con la società che si terrà venerdì prossimo nella sede di Confindustria.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here