Brianza, pensionata dopo bolletta pazza minaccia suicidio

bolletta pazza nuova brianza

Brianza, pensionata di 90 anni dopo bolletta pazza tenta suicidio. Un’anziana donna di Villasanta in Brianza non potendo permettersi di pagare una bolletta del gas da 6mila euro ha tentato il suicidio. L’ Eni manda una fattura di 6 mila euro, la signora novantenne non essendo in grado di pagarla minaccia il suicidio in Brianza alle porte di Monza.

IL FATTO – Seimila euro di bolletta Eni è arrivata a casa di Dodilla Petrini, una anziana signora della Brianza residente a Villasanta con la veneranda età di 90 anni. La novantenne monzese sbalordita dall’entità della fattura, ha cercato subito di chiedere spiegazioni alla società erogatrice del metano. La società come risposta non ha concesso neanche la dilazione del pagamento. La signora con la sua misera pensione di 700 euro al mese non può certamente permettersi di pagare una bolletta così salata e una qualsiasi banca non può neanche concederle un prestito per estinguere il debito accumulato.

PERCHE’ NON PAGA – L’ A.E.E.G. (Autorità per l’energia elettrica ed il gas) che si occupa tra le altre materie anche di modalità di pagamento delle bollette di tutti I gestori di energia e metano non ha ancora preso in carico la pratica della signora Pedrini. Il problema sarebbe nato dalla lunga permanenza in ospedale dell’anziana signora e un probabile disguido tra lei e la banca che ha impedito il pagamento puntuale delle bollette.

COSTRETTA A VENDERE I QUADRI – La novantenne di Villasanta forse la soluzione forse l’ha trovata. Suo marito, Bruno Cipolla, era un pittore monzese e vendendo le sue opere d’arte potrebbe ricavare i soldi per saldare il metano. Altrimenti la soluzione più tragica, togliersi la vita per non pensare più nè al gas nè ad altro.

Corrado Baglieri

soldi nuova brianza

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here