Brianza: Pd alle primarie, Civati il primo incomodo?

Pippo-Civati
Pippo Civati

Pippo-Civati

Pittella non pervenuto. Per il resto, la sfida per l’elezione del nuovo segretario nazionale del Pd parla soprattutto monzese. Pippo Civati, infatti, è tra i candidati che potrebbero sparigliare le carte soprattutto qui in Brianza mettendo in difficoltà anche il più quotato Matteo Renzi. In questi giorni stanno prendendo il via i comitati dei supporter  sul territorio. Gianni Cuperlo, il candidato della nomenklatura Pd, potrà contare, oltre che sugli attivisti veri e propri,  sulla dirigenza del partito praticamente al gran completo. Gigi Ponti ed Enrico Brambilla sono già pronti a sostenerlo. L’ordine di scuderia sarà infatti quello di convergere sull’uomo di Massimo D’Alema. Per chi volesse sostenere Cuperlo, appuntamento il 7 novembre, alle 21, nella sede di via Arosio con la consigliera provinciale Cecilia Veneziano e Marco Francesco Addivinola. Si è ampliato anche il gruppo di fans del sindaco di Firenze. A parte i già noti Xenia Marinoni e Alessandro Panigada, il comitato Renzi conta tra gli aderenti  il vicesindaco di Monza, Egidio Longoni. Secondo i dati forniti dal comitato il gruppo sarebbero arrivati al centinaio di iscritti, contando anche numerosi amministratori pubblici. Pippo Civati, il comitato locale, non l’ha lanciato. Ma forse non ce n’è nemmeno bisogno. Forte di 10.321 preferenze alle ultime regionali – di cui la più parte provenienti da Monza (il più eletto in assoluto) e dalla Brianza, Civati potrebbe infatti trasformare la sfida a tre in una sfida a due. O a uno. I voti di Civati su Monza e Brianza da una cosa è sicuro che non dipendono. Dal Pd. Se così fosse stato, infatti, sarebbe ancora a Monza. Tutto dipenderà dal numero di coloro che si recheranno alle urne a dicembre. Un appuntamento che il Pd brianzolo attenderà con trepidazione…

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here