Brianza: Micron tutti a casa, i sindacati: “Atto di pirateria”

Micron
Micron
Un piano di esuberi inaccettabile. Così è stato definito dai sindacati l’annuncio di Micron di mobilità per 420 dipendenti di cui 223 tra Agrate e Vimercate. L’annuncio è stato dato in occasione dell’incontro che si è tenuto tra Micron Semiconductor Italia e i rappresentanti del ministero dello Sviluppo economico. “Nonostante le pressioni fatte dal ministero per posticipare l’apertura della procedura di mobilità – spiega Gianluigi Redaelli di Fim Cisl – la direzione aziendale ha rifiutato categoricamente la mediazione.
Le organizzazioni sindacali ritengono inaccettabile il sordo comportamento di Micron, respingono fermamente il piano di licenziamenti anche perché siamo in presenza di eccellenze lavorative, da tutelare, che hanno rappresentato il successo della società stessa in Italia e nel mondo”. I sindacati non esitano a definire la decisione “un atto di pirateria”.

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here