Anche Monza avrà la sua Dominante…

anche monza dominante

Anche Monza avrà la sua Dominante. Novantanni senza paura. Vita, morte e miracoli di una società sportiva che ha segnato Monza. Quello che andiamo a presentare non è un semplice libro. O una volgare “marchetta” come si chiamano in gergo questo tipo di presentazioni magari suggerite da un amico. Sergio Gianni, l’amanuense che lo ha “messo assieme”, è più di un amico. Un compagno di viaggio della mia “infima” esperienza lavorativa che poi è il mio lavoro su e in questa terra di Brianza. E’ diverso dalle altre presentazioni che anche in passato, Sergio ci ha abituato. Un viaggio appunto nella Monza sportiva che fu. Luci ed ombre di un territorio che sta cedendo il passo sotto il peso di venti impetuosi. Ma questa è un’altra storia. Sergio è un archeologo della penna. Scava. Porta alla luce. Alza il reperto al cielo e lo osserva scomponendolo. Ed ha una grande dote. Riesce ancora ad entusiasmarsi trasferendo al lettore questa sua sensazione di gioia e fatica.

Sotto lo sguardo di San Giovanni

Il libro per i 90 anni della società briantea (1929/2019) è qualcosa di più di un agglomerato celebrativo. Un viaggio dentro la storia di una società sportiva che ha attraversato ed attraversa Monza. Testimonianze, foto, riscoperta delle origini di una piccola società di provincia nata quasi per caso ai tavolini di un bar del centro ai tempi del Fascismo. E ti pareva se il genetliaco non fosse stato il giorno del patrono di Monza. Il 24 giugno 1929, festa di San Giovanni. Ed allora scopri che le origini della Dominante passano per Genova. Nella società che allora militava nella serie A. Si trovano i soldi, le idee ci sono, l’entusiasmo neanche a parlarne. E’ già lì dentro l’iniziativa.

Dodici ragazzi e un bel sogno

Così la Dominante di Genova che univa per volontà fascista le formazioni dell’Andrea Doria e della Sampierdarenese, diventa la madrina di quella di Monza. Nel dopoguerra sulle cenere di quella società ligure nacque la Sampdoria. Genova-Monza andata e ritorno. E questo grazie ad una figurina arrivata per altrettanto caso sul tavolo dei giovanotti con il vino, le gazzose e la fetta di limone.

Anche Monza avrà la sua Dominante

E parte il viaggio verso 90 anni di campionati con alti e bassi. Con un centro sportivo degno di rispetto dove sono passati campioni e campioncini. Dove Michael Schumacher e Felipe Massa venivano a distrarsi dal rumore dei bolidi del vicinissimo autodromo. C’è lo sport e la solidarietà. Perchè la società non si è mai tirata indietro quando il bisogno ha chiamato. Che si trattasse dei ragazzi di Sarajevo o Arcobaleno Down, la società del compianto Gino Rapicavoli. Ma fare un elenco si finirebbe per scadere nella retorica tipica dei “marchettoni” che questo libro non vuole essere. E non lo è.

La Dominante

La Dominante è una parte della storia di Monza. Perchè nella città che fu dei Savoia, ma anche di Gaetano Bresci non esiste solo il calcio maggiore. Ci sono tante formichine che portano avanti, tra mille difficoltà, lo spirito sportivo. Un soffio se paragonato al vento impetuoso che soffia in televisione. Ma sono i soffi di vita come la Dominante a tenere alta la brezza della vita. A dire: bravo Sergio…

marco pirola

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here